Carabaccia, la zuppa di cipolle toscana

By 21 Novembre 2019 Cibo

 

La carabaccia è un zuppa di cipolle tipica della cucina toscana preparata con cipolle stufate e servite con pane tostato e formaggio leggermente fuso. È una zuppa Fiorentina del periodo Rinascimentale ricca di polifenoli e fibre. Caterina de’ Medici (1519-1589), quando diventò regina di Francia, fece conoscere questa zuppa benefica e gustosa ai nobili francesi. Un piatto semplice, della tradizione contadina, preparato con di ingredienti poveri, ma ricco di sapore e perfetto per le prime giornate di freddo. La cipolla rossa di Certaldo è la più indicata per la preparazione di questa ricetta ma si possono utilizzare anche le cipolle bianche. Meglio tenerle a bagno per una notte in acqua e aceto, così che perdano il loro odore pungente e possano essere spellate con facilità. La carabaccia si accompagna sempre a crostini di pane toscano tostati e conditi con parmigiano grattugiato. In alcune versioni si possono aggiungere anche i piselli o le uova, noi personalmente ci aggiungiamo l’alloro durante la cottura e poi come decorazione il rosmarino, e spesso come base la prepariamo con il brodo di carne.

INGREDIENTI PER 6 PERSONE

PREPARAZIONE CARABACCIA

  1. Mettete le cipolle a bagno in acqua e aceto e lasciatele, possibilmente, tutta la notte; sbucciatele e affettatele sottilmente, fatele stufare in una casseruola con un filo d’olio extravergine di oliva e un mestolo di brodo di caldo e coprite con il coperchio.
  1. Aggiungete un mestolo di brodo man mano che viene assorbito, per evitare di far rosolare le cipolle e fate cuocere. Serviranno circa 30-40 minuti. Regolate di sale e pepe.
  2. Tagliate il pane a fette e fatelo abbrustolire in una padella con un filo d’olio extravergine di oliva.
  3. Distribuite la zuppa in piatti fondi, guarnite con le fette di pane e aggiungete subito il parmigiano per farlo fondere leggermente.

La Carabaccia apporta circa 460 Kcal a porzione e possiede un alto valore nutrizionale di vitamine e Sali minerali

Leave a Reply